Giorgio Manganelli – L’isola pianeta e altri settentrioni

coverPer anni, quando i suoi viaggi erano soprattutto quelli del filobus romano 62, da via Nomentana a piazza San Silvestro, Manganelli coltivò un sogno temerario: spingersi sino alle isole Faeròer. Nel 1978, vincendo timori e angosce, con una valigia munita di tutto quanto un “frequent flyer” giudicherebbe forse inessenziale – un Dickens come amuleto e “blande mani chimiche” che sappiano coccolare nei momenti difficili -, lo scrittore partì alla volta dell’arcaica Islanda, prima tappa della sua incursione nel grande Nord. E l’esito di quel viaggio è questo reportage: lo sguardo del traveller sembra capace di svelare la segreta essenza dell'”isola pianeta”, dove il mondo è preumano, folle e criptico.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s