Aldo Carotenuto – Amare Tradire

Amare tradire. E-book

Possiamo fare a meno di tradirci e di tradire? È questa la domanda cui l?opera tenta di dare una risposta. Il tradimento ripugna alla nostra coscienza di ?puri”, ma, afferma l?autore, è un’esperienza ineluttabile. Dopo aver percorso i drammi della solitudine dell?amore in Eros e pathos, Aldo Carotenuto affronta il delicato tema del tradimento inteso come atto necessario perché la psiche, ancora chiusa in una verginità inconsapevole e irriflessiva, sia iniziata al mistero della vita e dell?amore. Tradire ed essere traditi significa infatti ?essere consegnati” a un destino di ricerca costellato di cadute e di sconfitte, significa riconoscersi come quegli esseri separati che, per ricostituirsi come soggetti, devono affrancarsi da dettami e modelli collettivi, devono dunque ?tradire”. Ogni individuo è consegnato all?imperativo, inscritto nella stessa dinamica evolutiva della psiche, di emanciparsi da tutto ciò che lo mantiene fedele a un?immagine di sé che non gli corrisponde, e che risponde, invece, alle richieste dell?ambiente sociale o al desiderio dei suoi interlocutori. È per questo motivo che il processo di individuazione comporta frequentemente situazioni di rottura, fratture inevitabili, destinate a segnare la nostra vicenda umana: dal tradimento perpetrato dal genitore sul figlio non ancora nato come già ?immaginato”, a quello all?interno del rapporto di coppia, per passare in rassegna ancora altre sue forme, altri suoi volti meno consueti. Il tradimento del corpo, della malattia, della morte, ossia l?esperienza del limite vissuta come scacco e come fallimento definitivo dell?esistenza. Senza tradimento non si dà possibilità

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s