Ottiero Ottieri – L’irrealtà quotidiana

L'irrealtà quotidiana

A quattro decenni dalla sua pubblicazione, scrive Giovanni Raboni nell’introduzione, L’irrealtà quotidiana non ha perso nulla della sua dirompente unicità, della sua strepitosa capacità di sconcertare il lettore. «Di che cosa esattamente si tratti fu questione non poco dibattuta nel corso di quel 1966 che vide, oltre alla comparsa del libro, anche il suo annunciato e tuttavia, alla resa dei conti, non incontrastato trionfo al Premio Viareggio (…). Alla fine si fece strada la formula del ‘saggio romanzato’: definizione tutto sommato accettabile e, almeno in parte, tuttora utile a patto di rendersi conto che dopo i romanzi per così dire tradizionali e persino vagamente neorealistici pubblicati da Ottieri prima d’allora L’irrealtà quotidiana ha segnato per lui una svolta decisiva, un autentico punto di non ritorno. Da quel momento in poi, voglio dire, nessuno dei suoi libri (…) sarebbe più stato classificabile dentro un unico genere.» Sono parole che segnalano il carattere davvero cruciale di una delle opere più controverse e significative di Ottiero Ottieri, un libro che fu definito da Andrea Zanzotto «violento, sacrificale, intimativo». L’esemplarità dell’Irrealtà quotidiana risiede proprio nella qualità che ha contraddistinto anche la produzione successiva di Ottieri: quel coraggio, ricorda ancora Raboni, «con cui entrambi, opera e autore, assumono su di sé, somatizzano, fisicizzano, trasformano in propria carne e proprio sangue» il dibattito e il confronto di idee che per altri rimangono su un piano più astratto. E oggi, a quasi quarant’anni dalla sua prima apparizione, L’irrealtà quotidiana mantiene intatta tutta la sua forza ideologica, la sua piagata corporeità, la sua dolente unicità.

Advertisements

77 thoughts on “Ottiero Ottieri – L’irrealtà quotidiana

  1. forse hai questi, che ho anche io:
    Ralp Waldo Emerson – Diario (1820-1876)
    Ralph Waldo Emerson – Uomini rappresentativi:1

  2. L’ultima parte è stata eliminata dall’editore stesso per non so quali motivi. Me l’aveva fatto notare U.s.A. che ha aggiunto il testo inglese nella sua correzione al mio consiglio originale.

  3. Vi segnalo che sul sito “www.pansofia.it” sotto le voci “Testi filosofici”, “Scritti di filosofia moderna e contemporanea”, “Storia della filosofia”, “Scritti di filosofia antica e medievale” etc., ci sono molti testi pdf interessanti (per esempio molte “Introduzione a…” della Laterza, che potrebbero essere una “buona e giusta” integrazione al vostro meraviglioso archivio. Grazie per il vostro lavoro!

  4. ho perso il mio spazio su Mega, e ho dovuto rifarmi l’account!
    non è che potreste ri-invitarmi per ricevere i vostri sublimi consigli di lettura?

    Grazie!!

  5. Qualcuno ha “I poeti greci del Novecento” della collana Meridiani?
    Mi piacerebbe anche solo la parte con Kavvadias, se fosse possibile.

  6. caro nat, anche io ho perso la pass di mega, potresti raggiungermi (ps. prima avevo altra mail). pronto anche io a condividere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...