Giacomo Todeschini – Come Giuda. La gente comune e i giochi dell’economia all’inizio dell’epoca moderna

Come Giuda

Fin dai primi decenni dell’era cristiana l’aspetto più inquietante della figura di Giuda è, al di là del suo tradimento, l’inadeguatezza della sua scelta economica: che tipo d’uomo poteva essere colui che aveva scambiato l’infinito valore del Cristo per la misera somma di trenta denari? Giuda diventa così il prototipo negativo di chi non sa riconoscere il vero valore delle cose, e, in particolare, di chi non riesce a comprendere le regole del mercato e dell’economia così come si sono venute assestando tra medioevo ed età moderna. Di contro, la figura della Maddalena, che “sperpera” i suoi beni per onorare il Signore, diventa emblematica dell’agire economico lungimirante e istituzionalmente corretto. Le conseguenze di questa contrapposizione si riflettono – come illustra il libro – nel codice di esclusione sociale che caratterizza la modernizzazione economica europea e alimenta lo stigma della gente comune di cui Giuda rappresenta la maschera.

One thought on “Giacomo Todeschini – Come Giuda. La gente comune e i giochi dell’economia all’inizio dell’epoca moderna

  1. Ottimo! Lui è stato il mio insegnante di storia medioevale, una persona intelligente anche se spesso noiosetto. Grazie!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s