Marcello Flores – Traditori. Una storia politica e culturale

Traditori

“Patriota è chi sostiene la Repubblica; chiunque la combatte è un traditore” Louis Antoine de Saint-Just “Tradire per un motivo preciso significa già quasi essere fedele” Arthur Schnitzler In ogni epoca il tradimento è stato considerato il crimine peggiore. Questo libro ricostruisce la storia del tradimento “moderno”, quello che s’impone attorno alla metà del Settecento e si diffonde con le rivoluzioni americana e francese, quando si perfeziona una concezione del tradimento politico come rottura del patto che unisce tutti i cittadini alla propria patria. Ma chi è davvero un traditore quando si combatte per l’indipendenza del proprio paese o quando si vuole rovesciare un governo e cambiare radicalmente lo stato? Dalla rivoluzione americana alla Grande Guerra, un’affollata galleria di casi, tratti sia dalla storia europea sia da quella di Stati Uniti, Giappone, Argentina, Messico, sia dalla storia della colonizzazione in Cina, Sudafrica, India.

2 thoughts on “Marcello Flores – Traditori. Una storia politica e culturale

  1. Gentile Nat, il problema che hai risolto per “La civetta e la talpa” me lo ritrovo per questo testo (ma pare non sussista per altri).
    Sono contento che tu abbia riacciuffato il benessere. Ciao.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s