Fabrizia Ramondino – Althénopis

Althénopis

Negli anni fra il 1943 e il 1948 una bambina scopre un mondo nuovo, misterioso e selvaggio, in un paese sulla costiera, vicino a Napoli. Qualche anno dopo, morto il padre, la ragazza vive una continua peregrinazione da un parente all’altro, tutti piuttosto stravaganti e bizzarri. Infine, ancora qualche anno dopo, la scena si sposta in un ambiente chiuso, la casa dove vive la madre invecchiata e sola. Per completare la formazione della protagonista sarà necessario passare attraverso il conflitto generazionale. Il primo romanzo di Fabrizia Ramondino rimane un punto fermo nella sua opera narrativa. Il filo autobiografico, la trasfigurazione mitica dell’infanzia, la curiosità per le facce e per le parole, lo sfondo della storia, il percorso di individuazione, a volte giocoso a volte faticoso: sono tutti elementi intrecciati in modo inconfondibile che torneranno, rielaborati in diverse forme, nei suoi libri successivi.La scrittrice sarà costretta a un nomadismo continuo, dovuto alla guerra, ai terremoti, al carattere e forse anche a un destino stilistico che la farà stare sempre nello spazio sintattico del «tra»: tra le lingue, tra le città, tra le scritture, tra le persone, tra le tensioni politiche e sociali, tra le generazioni, tra le classi sociali; sempre alla ricerca di un «sentiero chiaro» da percorrere; sempre pronta a scorticarsi la pelle di dosso, e allo stesso tempo senza mai negarsi, anche nei momenti peggiori, a una relazione con il mondo e con gli altri e soprattutto con il mare. dalla prefazione di Silvio Perrella

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s