Amedeo Quondam – Forma del vivere. L’etica del gentiluomo e i moralisti italiani

Forma del vivere

Nel contesto della storia moderna dell’etica, in quella vasta terra di nessuno che si estende tra i monumenti della Scolastica e la rivoluzione di Kant, questo libro riconosce e descrive per la prima volta il processo di formazione di una morale “laica” di non professionisti (né filosofi né teologi), nel suo modello fondativo italiano, tra Petrarca e Guicciardini. Un modello capace di proiettare poi la sua funzione normativa sull’intera Europa di Antico regime, grazie all’impatto straordinario e alla ricezione globalizzata di tre libri: il “Cortegiano” di Baldassarre Castiglione, il “Galateo” di Giovanni Della Casa, la “Civil conversazione” di Stefano Guazzo. Radici profonde su cui si innesta anche la grande esperienza dei moralisti d’Oltralpe. Attraverso questo processo culturale si definisce lo statuto stesso di “civilis” e “civilitas” nel binomio strutturale dei costumi e delle lettere, si elabora una forma del vivere del gentiluomo moderno, si prospetta un’etica della virtù e dell’onore geneticamente e funzionalmente riservata e distintiva.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...