David Harvey – La crisi della modernità

cover

In questo libro Harvey offre una panoramica della crisi della modernità vista attraverso l’analisi degli anni Ottanta, del “rampantismo” diffuso. È una indagine serrata, che accosta e attraversa il dibattito culturale, la mutata esperienza dello spazio e del tempo, l’arte e l’architettura postmoderna, le trasformazioni del modello fordista, l’internalizzazione delle attività finanziarie e la nuova stratificazione sociale.

NOTA POST INFORNATA

Cari amici, spero vi piaccia la nuova infornata.
Come al solito, vi ricordo che potete contribuire al mantenimento e alla crescita di questo blog in due modi:

    1. Condividendo a vostra volta materiale
    2. Facendo una piccola donazione in denaro al mastro fornaio del blog, precisamente a questo link (ricordo che non c’è bisogno di avere un account paypal per fare una donazione)

P.S. Ho intenzione di pubblicare prossimamente delle piccole guide amatoriali sulla produzione dei nostri amati consigli, ovviamente partirò dalle basi (scansione e affini)

Annunci

68 pensieri riguardo “David Harvey – La crisi della modernità

  1. infornata incredibile!!!! grazie Nat

    I fichi cadono dagli alberi, essi sono buoni e dolci; la loro rossa pelle si screpola, quando cadono. Io sono un vento del settentrione per fichi maturi. Così, simili a fichi, cadono a voi questi insegnamenti, amici miei: bevetene il succo, la loro dolce polpa ! Tutt’ intorno é autunno e cielo puro e pomeriggio . Guardate la pienezza intorno a noi ! Bello é guardare verso mari lontani , dalla sovrabbondanza .Un tempo nel guardare verso mari lontani si diceva Dio ; ora però io vi ho insegnato a dire : NAT 🙂

  2. Ottima selezione…non ho però capito se su Mega si tratta solo di attendere l’aggiunta, oppure se devo fare qualcosa io dal mio profilo. Se qualcuno avesse informazioni in tal senso, sarebbero graditissime. Ciao e grazie di nuovo per questi consigli di lettura.

  3. Ciao a tutti,
    ho scoperto questo interessantissimo blog. Complimenti per il lavoro svolto.
    Mi piacerebbe contribuire con alcuni consigli di lettura.

  4. Ogni tanto mi domando se effettivamente poi qualcuno li legga, ‘sti libri 😀

    Ad ogni modo, mi offro per dare una mano per la stesura delle “guide amatoriali”.

        1. Ivano, grazie per la tua franchezza, anche se non sono d’accordo
          1) sulla critica “carnappiana” (passami il termine) ai testi qui raccolti – l’ultima condivisione è il libro di Harvey sul postmoderno, il quale non mi pare proprio che si faccia castelli in aria -; probabilmente codesto giudizio discende dalla tua formazione intellettuale, che però non conosco e per questo evito di giudicare;
          2) per quanto concerne ill “fanboyismo”: sinceramente, faccio fatica a vedere tutto questo entusiasmo che mi fai notare, e qual ora ci fosse, addirittura spererei che ce ne fosse di più in modo da spingere sempre più persone a condividere, vista la perenne scarsità di contributori.

          Infine, hai invece pienamente ragione sulla qualità dei testi, anche se avrai notato che comunque dagli (orridi) inizi – sui quali conto di mettere mano con l’anno nuovo ,- la qualità delle conversioni è sempre andata aumentando. Il problema è che non ho nè il tempo nè la voglia di approfondire le questioni tecniche. Confesso di essere profondamente allergico ai linguaggi in codice come l’ html o il CSS, non li sopporto, non posso farci niente; se riesco a creare un testo quantomeno ordinato e leggibile, tanto mi basta. Mi rendo conto che a un occhio esperto i limiti dei miei lavori appaiano evidenti, a mia discolpa posso dire solo che fin dall’inizio non ho mai avuto l’intenzione produrre opere professionali, lavoro che lascio, per l’appunto, agli esperti del settore.

          Ti ringrazio comunque per il link e per i consigli che anche in passato mi hai fornito.

      1. Comunque rispetto ad HTML e CSS, a me lavorare con gli ebook mi ha fatto imparare moltissimo, e poi vedere un bel prodotto con buona formattazione è una soddisfazione 🙂

        1. Hai perfettamente ragione, ribadisco che io sono un pessimo esempio in quel senso. A chi si accosta a questo mondo consiglio di fare come te e approfondire quanto più possibile anche le questioni tecniche.

  5. Il piacere dell’infornata è un “a priori” (kantiano o meno), è conditio sine qua non. L’infornata piace sempre, Qualcuno si stupirà di fronte a questi due ebook, forse arriccerà il naso sentendo puzza di italianistica accademica, di erudizione dipartimentale (Quondam è ordinario del dipartimento di italianistica della Sapienza, diretto dal mio maestro Renzo Bragantini). Nulla di più sbagliato, questa è grande storia e critica della letteratura, di più, è fulgido esempio di Kulturgesichte, fine esercizio di “storia delle idee”, approccio multidisciplinare che prediligo e del specie quando si inoltra in territori eterodossi per la declinazione “elledibiana”. Eterodosso è termine che suona paradossale in riferimento a uno specialista del classicismo rinascimentale (e del classicismo tout court come categoria culturale, “idea”, forma) quale è Amedeo Quondam, autore dei due libri cui alludo. quale auspico l’acquisizione futura di consimili frutti.

    Non bastasse poi tutto il resto, Caro Nat! Sempre gratissimo!

    Ma è tempo di “Aletiniana 4”:

    https://mega.nz/#F!bJUB0TDa!QlwcJTWqijd_Le_GzRdxxw

  6. Propongo la versione corretta della prima parte del mio commento qui sopra, uscita malconcia dal copia/incolla, la cui lettura avrà suscitato giustificati sospetti circa una precoce demenza dell’estensore.
    I successivi ringraziamenti e il link della quarta Aletiniana rimangono buoni.

    Saluti a tutti!

    “Il piacere dell’infornata è un “a priori” (kantiano o meno), è “conditio sine qua non”. L’infornata piace sempre, specie quando si inoltra in territori eterodossi per la declinazione “elledibiana”. Eterodosso è termine che suona paradossale in riferimento a uno specialista del classicismo rinascimentale (e del classicismo tout court come categoria culturale, “idea”, forma) quale è Amedeo Quondam, autore dei due libri cui alludo. Qualcuno si stupirà di fronte a questi ebook, forse arriccerà il naso sentendo puzza di italianistica accademica, di erudizione dipartimentale (Quondam è ordinario del dipartimento di italianistica della Sapienza, diretto dal mio maestro Renzo Bragantini). Nulla di più sbagliato, questa è grande storia e critica della letteratura, di più, è fulgido esempio di Kulturgesichte, fine esercizio di “storia delle idee”, approccio multidisciplinare che prediligo e del quale auspico altre acquisizioni future”.

    1. Grazie, Aletinus. Metto sempre da parte le tue proposte (nel senso che le trasferisco nei miei dischi, non che le accantono). Colgo l’occasione per ricordare il sempre più intelligente saggio di Walter Siti contenuto nel primo volume del “Romanzo” Einaudi.
      Ciao.

      1. Ciao, Gneo Flavio! Eccettuati gli ebook in inglese, in queste cartelle che hai condiviso non c’è un ebook che non sia illeggibile a causa dei DRM, cioè può leggerli solo tu.
        AZW1 non è supportato da Calibre per le conversioni: bisogna ricorrere es. ad Epubor, ma, essendo protetti da DRM, questa conversione/sprotezione può effettuarla solo l’acquirente.

        Epubor (non trial) per Win e Mac lo trovi es. qui:
        http://www.dasolo.org/index.php?do=search
        cerca [b]Epubor[/b], le versioni più recenti sono in cima alla lista.

    1. Ciao, scusami ma ho problemi con i libri di Caffiero e Caliò (non riesco a convertirli in epube quindi ad aprirli). Hai solo la versione in azw1?

      1. Come dica Aletinus qui sotto, questi Viella erano già apparsi su Dasolo e su Avaxome in formato Epub
        Purtroppo risultano rimossi. Qualcuno li ha a suo tempo scaricati?

    1. Egregio Gneo Flavio, fosti dunque tu che a suo tempo (un paio di anni addietro) li piazzasti su Dasolo o li consegnasti a qualcuno – non ricordo il nick – che in quel sito, per certi versi deprecabile, operava, sempre che tu non li abbia tratti dal “mulo”. Rammento quel proliferare di titoli del catalogo Viella nel giro di pochi giorni. Le mie parole non sottendono intento polemico – lo sottolineo -, auspico semmai che se ne possano recuperare altri e bene hai fatto a riproporre qui la lodevole cartella.

      1. @Aletinus
        Eh sì, la fonte è proprio kindle unlimited, dalla quale tempo fa TesterF1/SSCn1926 li aveva postati sia su dasolo che su avax.

      1. Olao allude a “L’arringa di un pazzo” – è una nuova traduzione – disponibile presso Adelphi dal 20 ottobre nella collana “Biblioteca” (collana proposta nella versione cartacea con il 25% di sconto fino al 31 ottobre).
        A proposito di novità Adelphi, da segnalare il notevole saggio di di Rico su Petrarca, la silloge di racconti “minori” di Parise, la nuova raccolta di saggi di Garboli e l’invitante “I regni dimenticati” di Russel. Appena precedenti: il Manganelli di “Estrosità …” e “Il pollice del violinista” di Sean Kean, divulgazione scientifica – ma il termine è riduttivo – di livello eccelso.

      2. Oh certo: chiedo scusa per il fraintendimento, è come dice Aletinus – a proposito, ottima segnalazione quella di Francisco Rico, è un autore di cui si trova qualcosa in lingua originale e merita

  7. Caro Natjus, grazie per la bella e stimolante infornata. Io ho alcuni libri che potrebbe essere interessante scansionare e condividere, solo che non ho uno scanner. Ricordo che sei di Napoli come me; se ti va, potremmo incontrarci. In generale penso che sarebbe interessante replicare questa esperienza di condivisione anche nella realtà.

  8. Bellissima infornata come sempre, grazie mille! Approfitto per chiedere alla comunità se qualcuno ha in libro di E. De Martino “Naturalismo e storicismo nell’etnologia”… Gliene sarei grato…

  9. ciao e grazie per la condivisione di tutti questi libri.
    mi chiedevo se sarebbe arrivato qualcosa di c. castaneda che escluda i soliti due libri che si possono trovare in rete; e poi avevo una richiesta specifica, vale a dire ‘entropia ed arte’ di arnheim. grazie e buona serata a tutti.
    ps. per eventuali info a riguardo la mia mail è mar.coloverde@hotmail.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...