Andrea Emo – Supremazia e maledizione. Diario filosofico 1973

cover0001

“Vi sono istanti in cui il nulla delle cose e di noi stessi ci appare con tale lucidità che ci sentiamo animati dallo spirito del Distruttore”. Ma non c’è bisogno (sempre) di guerra, rivolta, rivoluzione. Per Andrea Emo “basta volgere su tutto i nostri occhi” per riconoscere come le immagini dell’arte, i teoremi della scienza, i misteri della religione non siano che manifestazioni di tale nulla. Tuttavia, proprio per questo arte, scienza e religione non vanno disprezzate: i simboli di cui rivestono le nostre esistenze portano all’estremo il bisogno di conoscere ciò che è inconoscibile (noi stessi e Dio) e ci fanno intendere come anche Dio possa morire per risorgere. Il volume riproduce il Diario in cui per decenni Emo ha registrato le sue riflessioni.