Diego Fusaro – Idealismo e prassi. Fichte, Marx e Gentile

cover

Il presente studio affronta il rapporto tra idealismo e prassi nelle riflessioni di Fichte, Marx e Gentile, nella convinzione che tra i sistemi di pensiero dei tre autori si dia un nesso di forte continuità. Per un verso, l’ontologia della prassi su cui si regge la dottrina della scienza fichtiana costituisce la base delle marxiane undici Tesi su Feuerbach. Per un altro verso, l’attualismo di Gentile opera una riforma della dialettica hegeliana in cui risuona il timbro del prassismo fichtiano e marxiano. L’ideale marxiano della prassi trasformatrice non soltanto è presente in Fichte come in Gentile: è la chiave stessa dell’idealismo e del suo rigetto di ogni dogmatica resa alle logiche dell’esistente. In un rovesciamento integrale delle letture più consolidate, si adombra per questa via il carattere intrinsecamente idealistico della prassi e, in maniera convergente, l’essenza antiadattiva dell’idealismo.

Annunci

Johann Gottlieb Fichte – Missione del dotto. Testo tedesco a fronte (Traduzione di Diego Fusaro) [Pdf]

coverFrutto di cinque lezioni tenute a Jena nel 1794, la “Missione del dotto” di Fichte è la più straordinaria descrizione moderna del ruolo dell’intellettuale, nella forma di un impegno condotto universalisticamente in rapporto diretto con l’idea di umanità e di emancipazione del genere umano tramite la prassi trasformatrice, secondo l’ininterrotto sforzo sociale orientato alla coincidenza tra Io e non-Io: ossia tra l’umanità pensata come un unico soggetto agente (Io) e le sue concrete oggettivazioni sociali, politiche e storiche (non-Io). Secondo un coerente sviluppo, sul piano sociale e politico, dei princìpi della “dottrina della scienza”, il dotto della torre d’avorio, come mero tesaurizzatore del sapere, cede con Fichte il passo all’intellettuale come uomo che pensa e opera nella e per la società. Si perviene, così, al grande tema che attraversa l’opera fichtiana: la destinazione dell’uomo coincide con l’ininterrotto sforzo asintotico di raggiungimento della perfetta armonia con se stesso, ossia con il processo di razionalizzazione dell’esistente e di corrispondenza del genere umano con le proprie potenzialità ontologiche. Postfazione di Marco Ivaldo.

Johann Gottlieb Fichte – La missione dell’uomo [Epub – Mobi]

coverApparsa nel 1800, La missione dell’uomo è il testo che segna il passaggio alla ‘seconda filosofia’ di Fichte. Essa venne redatta a Berlino, dopo il conflitto suscitato dalle accuse di ateismo che avevano spinto il filosofo ad abbandonare la cattedra presso l’Università di Jena. I suoi toni religiosi sono anche una replica a tali accuse. Si articola in tre parti: “Dubbio”, “Sapere”, “Fede”, le tappe di un ideale cammino dalla vita naturale a quella spirituale.

Vittorio Hösle – Il sistema di Hegel [Pdf]

CoverIl sistema di Hegel è probabilmente la più estesa trattazione del più complesso sistema filosofico elaborato nel corso della storia del pensiero: Hegel infatti, al di là della straordinaria forza delle sue analisi fenomenologiche, ha inteso la sistematicità come indispensabile, anzi coessenziale ad ogni vera filosofia. Hösle non separa le idee hegeliane dal loro contesto sistematico, ma esamina la coerenza architettonica dell’impianto di Hegel così come presentato soprattutto nell’Enciclopedia delle scienze filosofiche e, più che concentrarsi sulla genesi della filosofia hegeliana, a cui pure sono dedicate pagine importanti, analizza sul piano teoretico la validità del sistema in rapporto ai risultati delle scienze contemporanee e ai problemi attuali. Ciò significa che del sistema hegeliano vengono individuati i limiti non meno dei meriti. In particolare viene criticata la mancanza, al livello della “prima filosofia” ossia della scienza della logica, di una teoria dell’intersoggettività, categoria diventata centrale nel pensiero posthegeliano. Il volume, uscito in tedesco nel 1987 e tradotto in portoghese e in coreano, ha suscitato vive discussioni e fortemente influenzato l’interpretazione contemporanea del pensiero di Hegel.