Tancredi Bianchi – Attacco all’Occidente

Attacco all'Occidente

Le crisi finanziarie si trasformano in crisi dell’economia reale. Ed è esattamente ciò che è accaduto con quella iniziata nel 2007 con gli ormai famosi mutui subprime. Una crisi che è andata complicandosi per diversi motivi, geopolitici e geoeconomici. Al punto che oggi tanti accadimenti inducono a pensare a un attacco al mondo occidentale. Al tentativo di ridimensionarne il peso. Come rispondere a questo stato di cose? Le politiche, soprattutto monetarie, messe in atto finora sono d’aiuto o potrebbero nel tempo avere ripercussioni negative superiori ai benefici? In questa splendida lezione – destinata soprattutto, ma non solo, alle generazioni troppo giovani oggi per comprendere appieno la situazione che stiamo vivendo – l’Autore ripercorre gli avvenimenti dell’ultimo decennio e li analizza nel più ampio contesto di un mondo che nel frattempo si è globalizzato – fors’anche troppo velocemente – e sta vivendo una vera e propria rivoluzione tecnologica.

AA.VV. – Genealogie dell’Occidente

Genealogie dell’Occidente

Occidente: parola antica per una categoria geopolitica decisamente moderna, da declinare al plurale. Le idee di Occidente sono sorte dentro e fuori le frontiere che si venivano tracciando, ma le diverse origini a cui ciascuna faceva appello denunciano il proprio carattere di miti etico-politici, più che descrivere una genealogia reale. Sulle rappresentazioni o addirittura invenzioni dell’Occidente, sulle morfologie storiche e i dispositivi concettuali che ne hanno costruito la megaidentità tutt’altro che statica e intangibile, sulle linee di frattura che ormai lo attraversano correndo lungo l’asse planetario, riflettono qui insieme uno storico, due filosofi, un politologo ed economista, un geografo e un islamologo. Un’analisi a più voci necessaria a comprendere quanti stereotipi si siano addensati attorno allo schema binario Oriente/Occidente – il primo spirituale, intemporale, dispotico e seduttivo, il secondo egemonico, faustiano, produttivo e senz’anima – e come la cosiddetta civiltà occidentale non possa vantare una titolarità esclusiva sulla modernità, invocata sotto altra veste dagli occidentalisti asiatici e inscritta nel cuore stesso del radicalismo islamico.

Luca Grecchi – Occidente. Radici, essenza, futuro

L’opera si configura come una interpretazione complessiva dell’Occidente. Contrariamente alla maggior parte delle analisi correnti, che identificano l’Occidente con il liberalismo e con la tecnica (per apprezzarlo o criticarlo), Grecchi cerca di comprenderne l’essenza scavando nelle sue radici greche, cristiane, latine, moderne, e nelle sue modalità socio-economiche incentrate, al contempo, sulla dimenticanza del bene comune e sulla ricerca del massimo arricchimento privato.

Niall Ferguson – Occidente: Ascesa e crisi di una civiltà

Occidente. Ascesa e crisi di una civiltà

Se nel 1411 fossimo stati in grado di circumnavigare il globo, saremmo rimasti abbagliati dallo splendore e dalla potenza della civiltà orientale: a Pechino si costruiva la Città Proibita; nel vicino Est, gli Ottomani stringevano d’assedio Costantinopoli. Nei regni di Aragona, Castiglia, Francia, Portogallo e Inghilterra, al contrario, avremmo trovato malattie, carestie e guerre interminabili. L’idea che l’Occidente sarebbe riuscito a dominare il resto del mondo sembrava un’ipotesi folle e assolutamente irrealizzabile. Eppure è ciò che accadde nei secoli successivi. Cosa ha permesso alla civiltà occidentale di trionfare sull’apparente superiorità degli imperi d’Oriente? La risposta, sostiene Niall Ferguson, è che l’Occidente seppe mettere a frutto sei strumenti assenti nella civiltà orientale: scienza, democrazia, medicina, concorrenza, consumismo ed etica lavorativa. E, oggi, la perdita del monopolio di questi strumenti porterebbe a un declino irreversibile del dominio occidentale. Occidente è un affascinante viaggio intorno al mondo che ripercorre la storia della nostra civiltà: dal Grande Canale della Cina al Palazzo Topkapi di Istanbul, da Machu Picchu alla Namibia. Ma è anche la storia di navigazioni, missili, vaccini e blue jeans. Il racconto definitivo della storia dell’Occidente in età moderna.

Michel Vovelle – La morte e l’Occidente. Dal 1300 ai giorni nostri [Epub – Mobi – Pdf scan]

cover« “L’ultimo atto è cruento, per quanto bella sia stata la commedia in tutto il resto: alla fine, ci gettano un po’ di terra sulla testa, ed è finita per sempre”. Così Pascal. Il senso complessivo e il finale di questa commedia cambiano però nel tempo, perché la morte non costituisce un semplice e immutabile evento naturale. Ha una storia, che Michel Vovelle ci racconta in maniera rigorosa, intrecciando i dati demografici alle indagini sulla mentalità, il folclore alla religione, le gioie e le speranze della vita alle arti del morire. Sfilano così nel libro le varie forme di immaginare e affrontare l’inevitabile: dalle danze macabre medioevali al gusto del barocco nel sottolineare la caducità dell’esistenza; dalla progressiva scristianizzazione della morte alla connessa perdita di importanza del paradiso e dell’inferno; dall’esilio dei morti nei cimiteri suburbani alla commercializzazione del ‘caro estinto’; dalle brevi aspettative di vita all’attuale allungamento della vecchiaia; dall’agonia in pubblico alla ‘solitudine del morente’; dalla rimozione della morte all’attenzione che di recente si dedica ad essa, a causa dell’incertezza del futuro. trattati». Remo Bodei

Grazie a Maurizio (Mauritius in libris) per la scansione di partenza.

Nota: Da questa infornata dico addio alla password. Per i vecchi file archivio essa è sempre: ladridibiblioteche

– Sono stati aggiunti inoltre i pdf scan di: L’uomo a due anime di Antonio Capizzi, curato da Epub Ocr e su richiesta il “Nietzsche” di Heidegger.